ASSOCIAZIONE ASTRONAUTI AUTONOMI . firenze . italy

L'Associazione Astronauti Autonomi e' nata a Londra nel 1995 e in tale data ha lanciato il proprio piano quinquennale, durante il quale dar vita ad un network di gruppi A.A.A. sparsi nel mondo, ciascuno dei quali impegnato allo sviluppo di un programma indipendente di esplorazione dello spazio, che non sia controllato da organi di Stato, militari o aziende.

  • AAA raido: www.uncarved.demon.co.uk/aaa.html
  • AAA bologna:www.comune.bologna.it/iperbole/link/aaa.htm
  • AAA s.h.i.t.s.: www.geocities.com/capecanaveral/hangar/2558
  • AAA anzio: www.geocities.com/CapeCanaveral/Launchpad/3066
  • AAA east london: www.unpopular.demon.co.uk
  • AAA disconaut london: www.uncarved.demon.co.uk/dnaut.html
  • AAA kernow: www.planet13.co.uk/earthly/earthlydelights.htm
  • AAA wien:www.t0.or.at/aaa
  • AAA nomad: www.geocities.com/researchtriangle/7535
  • AAA oceania: www.deepdisc.com
  • ASTRONAUTI DA SEMPRE

    Tutte le volte che qualcuno viene a contatto per la prima volta con l'AAA ci
    si possono aspettare conflitti teorici piu' o meno immediati su molti
    aspetti, ma ho notato che spesso lo scontro intellettuale verte su alcuni
    punti ricorrenti in particolare: la (presunta) impossibilita' di
    autocostruzione di veicoli spaziali, e quindi l'impossibilita' ad essere
    "veri" astronauti che ne deriva, sembra essere uno dei punti piu' caldi.
    Dico "sembra" perche', in realta', sicuramente di punti di contrasto piu'
    importanti e impegnativi ce ne sono molti altri, ma volevo portare un mio
    piccolo contributo a questo tema specifico... ricordandomi di un pensiero
    che mi ritorna ciclicamente da quando avevo forse 6 o 7 anni e cominciavo a
    poter leggere e capire di spazio e astronauti (nel 1969 compivo 10 anni),
    pensiero che consiste nell'immaginarsi il pianeta terra, e tutto quello che c'e'
    sopra, come una immane, enorme a scala umana, astronave spaziale auto
    organizzante, che costantemente gira nella sua orbita intorno al sole, cosi'
    come l'intero sistema solare potrebbe girare intorno a qualche altro centro
    non visibile... rendendo in questo modo automaticamente tutti gli abitanti
    del pianeta astronauti alla guida del pianeta stesso, promosso ad astronave
    costituita da un sistema biologico misto e complesso, che richiede come
    unico vincolo la continuazione dell'orbita del pianeta, e, come passo
    successivo, la partenza di veicoli figli. L'affermazione che siamo tutti
    astronauti e che lo siamo sempre stati puo' sembrare una provocazione oppure
    una definizione ironica o riduttiva, ma dovrebbe essere letta come un
    impegno a migliorare la qualita' della vita di tutti i compagni di viaggio,
    astronauti consapevoli e inconsapevoli, illuminati e ignoranti...
    SIAMO GIA' NELLO SPAZIO ! e lo siamo sempre stati.
    All'interno di questa enorme astronave che e' la terra si sono ricreate,
    nel corso dei secoli, innumerevoli gerarchie, strutture e sovrastrutture dinamiche
    che riproducono a scala planetaria le gerarchie, strutture e sovrastrutture
    dinamiche che si creano all'interno di qualsiasi equipaggio voglia affrontare un
    viaggio spaziale. Quello che differenzia i vari componenti dell'equipaggio e' la
    consapevolezza di cio' che sta succedendo realmente, e la quantita' e qualita'
    delle informazioni vitali a cui essi hanno accesso.
    Proprio come nella vita sul pianeta terra...
    E' (anche) per questo che la sacrosanta indignazione dell'AAA riguardo lo
    sfruttamento militare e istituzionale dello spazio, usurpato sia sulla terra che
    all'esterno, deve rimanere il cardine principale su cui basare qualsiasi
    rivendicazione di autonomia reale.

    see you in space
     






    yello