1993

Gennaio Il PM Leonardo Frisani titolare del procedimento di bancarotta della Miura Travel, in cui sono implicati i funzionari del SISDE indagati per lo scandalo dei fondi riservati, dispone accertamenti del ROS dei carabinieri
11 Gennaio Viene ucciso con una coltellata al cuore a Bruxelles Roberto Boemio, ex generale dell'Aeronautica. Potrebbe essere una delle strane morti che si susseguono fra coloro che hanno avuto un qualche ruolo nella vicenda dell'abbattimento del DC-9 a Ustica
15 Gennaio Viene arrestato il boss mafioso Totò Riina
31 Gennaio Spadolini dichiara: "...Viviamo in un momento pericoloso, non posso escludere neanche l'ipotesi di azioni destabilizzanti e violente
Febbraio Scoppia il caso Kollbrunner, vi è coinvolto il ministro Claudio Martelli. Emergeranno connessioni con la vicenda del Conto Protezione e con la vicenda della fornitura degli elicotteri Augusta al Belgio
2 Febbraio Il capo della Polizia, Vincenzo Parisi difende Bruno Contrada, funzionario del SISDE, all'udienza della Commissione Antimafia
3 Febbraio I telefoni di Michele Finocchi e Gerardo Di Pasquale, funzionari del SISDE, vengono sottoposti a intercettazione e i due vengono fatti pedinare su ordine del PM Frisani per la vicenda della Miura Travel e dei fondi riservati
5 Febbraio La Corte di Cassazione boccia il ricorso presentato da Bruno Contrada che resta in carcere. è confermata l'accusa di concorso in associazione per delinquere di stampo mafioso
5 Febbraio Gaspare Mutolo davanti alla Commissione Antimafia ribadisce le accuse a Salvo Lima (che si incaricava di addomesticare i processi agli uomini di Cosa Nostra), al giudice Domenico Signorino, colluso con la mafia, a Bruno Contrada e al giudice Corrado Carnevale definito "una garanzia" per Cosa Nostra
24 Febbraio A Zola Predosa, in provincia di Bologna, la banda della Uno bianca uccide Massimiliano Valenti che era stato testimone di una rapina al Credito Romagnolo
25 Febbraio Viene trovato "suicidato" il dirigente dell'EFIM coinvolto nell'inchiesta sulla fornitura di elicotteri Augusta al Belgio, Sergio Castellari
27 Febbraio La prima sezione penale della Cassazione annulla 13 arresti nei confronti dei presunti mandanti dell'omicidio di Salvo Lima.  La decisione è in contrasto con quanto deciso da un'altra sezione. L'intera inchiesta rischia di essere messa in discussione
5 Marzo Avviso di garanzia per Ignazio D'Antone, capo della Squadra Mobile di Palermo, collaboratore di Bruno Contrada e del SISDE per aver protetto la latitanza di alcuni mafiosi
23 Marzo Il Tribunale di Roma condanna Flavio Carboni (5 anni), il vescovo cecoslovacco Pavel Hnilica (3 anni) per la ricettazione della borsa del banchiere Calvi, trovato morto sotto il ponte dei Frati Neri a Londra
27 Marzo Andreotti riceve un avviso di garanzia per associazione a delinquere di stampo mafioso. La Procura della Repubblica di Palermo chiede l'autorizzazione a procedere contro il senatore. Nel caso sarà coinvolto anche il giudice Carnevale.
28 Marzo Gava riceve un avviso di garanzia per collusioni con la camorra
6 Aprile Approvata la relazione conclusiva dell'indagine sui rapporti tra mafia e politica condotta dalla Commissione Parlamentare Antimafia. Nel documento si afferma che "risultano certi alla Commissione i collegamenti di Salvo Lima con uomini di Cosa Nostra" e che "egli era il massimo esponente in Sicilia della corrente democristiana che fa capo a Giulio Andreotti"
16 Aprile

Dimissioni di Giuliano Di Bernardo dalla carica di Gran Maestro della massoneria del Grande Oriente d'Italia di Palazzo Giustiniani

Arrestati 55 componenti della banda della Magliana tra cui Ernesto Diotallevi, Massimo Carminati (ritenuto artefice del depistaggio nelle indagini sulla strage di Bologna), Enrico Nicoletti, collegati a fatti di mafia, eversione nera e alla loggia P2

18 Aprile Di Bernardo, ex gran maestro del GOI, annuncia la nascita di una nuova obbedienza massonica
14 Maggio Alle 21,40 esplode in Via Fauro a Roma, una Fiat Uno imbottita con 120 chili di una miscela esplosiva costituita da tritolo, T4, pentrite e nitroglicerina. L'esplosione provoca 24 feriti. Anche in questo caso ci sarà una rivendicazione della Falange Armata. L'attentato, probabilmente contro Maurizio Costanzo, provoca 15 feriti
18 Maggio Viene arrestato il boss mafioso Nitto Santapaola
27 Maggio Alle 1,04 in via dei Georgofili a Firenze nei pressi della galleria degli Uffizi esplode un Fiat Fiorino imbottito con 250 chili di una miscela composta da tritolo, T4, pentrite, nitroglicerina. L'esplosione, che fa crollare la Torre dei Pulci, sede dell'Accademia dei Georgofili, provoca 5 morti e 48 feriti, sarà rivendicata dalla Falange Armata.  Su vari organi di stampa viene ipotizzata la matrice mafiosa dell'attentato con il coinvolgimento dei servizi segreti e di logge massoniche
26 Maggio La Finanza trasmette gli atti, relativi all'inchiesta sui fondi riservati del SISDE, del PM Antonino Vinci al PM Leonardo Frisani
Giugno Nel corso dell'inchiesta sui fondi riservati del SISDE il PM Frisani chiede al GIP Terranova l'arresto di Broccoletti, Galati, Finocchi, Malpica, Di Pasquale e Sorrentino. Iscrive inoltre al registro degli indagati, con l'accusa di favoreggiamento Finocchiaro. Verrà concesso solo l'arresto di Broccoletti
2 Giugno A Roma, a Via dei Sabini, a 100 metri da Palazzo Chigi viene scoperta una bomba che viene rivendicata dalla Falange Armata
9 Giugno Nuova richiesta di autorizzazione a procedere contro Giulio Andreotti per l'omicidio di Mino Pecorelli. Tra gli altri elementi di accusa, anche una testimonianza di Franco Evangelisti
10 Giugno Arrestato a Palermo Raffaele Gangi, uno dei capi della commissione provinciale di Cosa Nostra, che decise di uccidere Salvo Lima
25 Giugno Viene arrestato Maurizio Broccoletti, direttore amministrativo dal 1992 del SISDE. Interrogato ripete: "...Sono il depositario di somme del servizio...". I funzionari avrebbero prelevato denaro dal bilancio del SISDE senza autorizzazione. Il Procuratore Mele rimprovera Frisani di non averlo informato dei provvedimenti presi. La questione viene demandata al CSM , ma subito chiusa con l'affiancamento a Frisani dell'aggiunto Torri
27 Giugno Il maresciallo dell'Aeronautica Franco Parisi che era in servizio ad Otranto la notte in cui fu abbattuto un DC-9 ad Ustica viene trovato impiccato
28 Giugno Il presidente del comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti, Pecchioli annuncia l'apertura di un'inchiesta per lo scandalo dei fondi riservati del SISDE
12 Luglio Franco Freda viene arrestato come leader del Fronte Nazionale per ricostituzione del disciolto partito fascista
19 Luglio Viene arrestato Antonio Galati del SISDE, per l'inchiesta sui fondi riservati
20 Luglio Si costituiscono Finocchi e la Sorrentino, indagati per l'inchiesta sui fondi riservati del SISDE
23 Luglio Si costituisce Di Pasquale, indagato per l'inchiesta sui fondi riservati del SISDE. Gli altri funzionari, nel frattempo, modificano la loro versione affermando: "...Quei soldi sono premi. A indurci alla falsa versione sono stati Malpica e Finocchiaro ..."
27 Luglio Alle 23,14 esplode in Via Palestro a Milano davanti alla Villa Reale, un'autobomba, danneggiando e distruggendo completamente l'adiacente padiglione di arte contemporanea, cinque persone vengono dilaniate dallo scoppio: tre pompieri, un vigile urbano e un immigrato dal Marocco. La miscela esplosiva usata per l'attentato è costituita da 100 chili di tritolo, T4, pentrite e nitroglicerina. Poco dopo esplodono a Roma due ordigni, uno davanti alla Basilica di San Giovanni in Laterano e l'altro davanti alla chiesa di San Giorgio al Velabro. Anche in questo caso la miscela esplosiva usata è costituita da 2 cariche di 100 chili ciascuna di tritolo, T4, pentrite e nitroglicerina. Nelle stesse ore viene registrato un black out telefonico a Palazzo Chigi, che rimarrà isolato per alcune ore. Gli episodi vengono messi in relazione agli attentati di Via dei Georgofili a Firenze e di Via Fauro a Roma
Agosto Il PM Frisani, nel corso dell'inchiesta sui fondi riservati del SISDE, ricostruendo il tragitto di alcuni assegni della Carimonte, arriva al Credito Industriale di San Marino dove vengono sequestrati nuovi libretti al portatore intestati ai funzionari del servizio per un valore di circa 35 miliardi. Il magistrato che collabora a San Marino verrà minacciata di morte
27 Agosto Secondo il settimanale Panorama, l'analisi consegnata dalla DIA al Presidente del Consiglio, individua Cosa Nostra come mandante degli attentati di Roma, Firenze e Milano
8 Settembre L'ex direttore del SISDE, Malpica, viene messo a confronto con Broccoletti, Finocchi, Di Pasquale, Galati e Sorrentino. Resta sulla sua posizione: "...Nessun premio. erano soldi del SISDE ..."
16 Settembre La Procura della Repubblica di Roma apre un un'inchiesta con un rapporto congiunto di polizia e carabinieri che individua in 16 ufficiali del SISMI i telefonisti che hanno rivendicato le azioni della Falange Armata. L'inchiesta parte da una indagine interna ordinata da Paolo Fulci, capo del CESIS, il comitato di coordinamento dei servizi segreti, fino al '92. Fulci infatti per scoprire la fondatezza di voci che individuavano come provenienti dagli uffici del SISMI le telefonate della Falange Armata fece predisporre delle intercettazioni telefoniche che avrebbero dato esito positivo. Fulci però aspetterà fino all'estate del '93 per rendere noto alle autorità di polizia ciò che conosceva già nel 1992
21 Settembre Il SISDE avverte la polizia ferroviaria della stazione Ostiense di Roma che sulla Freccia dell'Etna c'è una bomba. Nel bagno del vagone 14 viene trovato quattro chili di "brixia", cioè di polvere da mina usata nelle cave di marmo, la bomba però non ha il detonatore
Ottobre La Procura di Trento apre un fascicolo processuale in cui sono inseriti terroristi croati, terroristi fascisti italiani, e avventurieri internazionali e due "insospettabili" romani che avrebbero contattato gruppi di mercenari stranieri per dare l'assalto al centro RAI di Saxa Rubra che doveva svolgersi nell'ambito di un progetto di colpo di Stato. In una intercettazione agli atti dell'inchiesta uno degli inquisiti dice: "...Lei avrà quel che le serve. I soldi non sono un problema ma lei deve garantire il pieno controllo dell'obiettivo per tutto il tempo che sarà necessario. Al resto pensiamo noi, i nostri uomini prenderanno il controllo dei ministeri più importanti. Voi dovete entrare nel centro RAI di Saxa Rubra e tenere sotto controllo ogni struttura della emittente di Stato. Costi quel che costi..."
7 Ottobre

Viene individuato l'informatore del SISDE che ha fatto scoprire la bomba sulla Freccia dell'Etna il 21 Settembre, è Rosario Allocca, un pregiudicato napoletano, il quale asserisce "...è stato il mio corrispondente del SISDE a inventare tutto, è stato lui a chiedermi di fare in modo che sul treno 810 ci fosse una bomba da trovare...". Allocca , difeso da Angelo Cerbone Di Gaetano ex consigliere del MSI, avrebbe ricevuto l'incarico dal capozona del SISDE di Genova, cioè il tenente colonnello dei carabinieri in forza al SISDE, Augusto Maria Citanna che verrà in seguito incriminato

Donatella Di Rosa, fascista di Udine, in una conferenza stampa, afferma, con il marito, tenente colonnello Michittu, di aver partecipato a riunioni di alti ufficiali delle Forze Armate nelle quali si sarebbe raccolto denaro per organizzare un colpo di stato e si sarebbero pianificati abboccamenti con mafiosi e trafficanti internazionali di armi, si sarebbe parlato di campi di addestramento militare, dell'arrivo di kalashnikov smontati e nascosti in bombole di metano e di quattro arsenali nascosti in luoghi diversi. Alle riunioni avrebbe partecipato, oltre al capo di Stato Maggiore dell'esercito Goffredo Canino, al gen. della Guardia Di Finanza Frea, al gen. Bellini e al gen. Petean, anche Gianni Nardi, il neofascista che risulta morto in Spagna nel 1976 e che secondo la Di Rosa sarebbe ancora vivo. La Di Rosa inoltre avrebbe ricevuto 700 milioni dal gen. Franco Monticone, ex comandante della Folgore e attualmente comandante della Forza di Intervento Rapido. Il generale afferma di averle dato i soldi perché la Di Rosa gli aveva promesso di fargli avere l'annullamento del suo matrimonio dalla Sacra Rota, dice anche di essere stato l'amante della donna e che questa avrebbe tentato di estorcergli altri 30 milioni minacciandolo di rivelare segreti privati. La Di Rosa nega questa versione e afferma invece che Monticone era uno dei partecipanti alle riunioni e che i soldi li avrebbe avuti solo in consegna dal generale e avrebbero fatto parte dei finanziamenti raccolti per il colpo di Stato

11 Ottobre Avvisi di garanzia nell'ambito delle indagini sugli attentati terroristici di Firenze, Milano e Roma, grazie alle rivelazioni del pentito Salvatore Annacondia della Sacra Corono Unita contro i camorristi Francesco Cocozza, Vincenzo Rinaldi e Raffaele Catapano
16 Ottobre Arrestato Augusto Maria Citanna, ex tenente colonnello dei Carabinieri e capo-zona del SISDE di Genova per la vicenda della bomba ritrovata sulla Freccia dell'Etna. L'imputazione è di trasporto e detenzione di esplosivo con finalità eversive dell'ordine democratico. Oltre a Citanna vengono arrestati Davide Montuoro e Ciro Moglie, sospettati di essere affiliati alla 'ndrangheta e di essere gli esecutori materiali su commissione di Citanna
18 Ottobre Vengono cambiati i capi dei servizi segreti italiani: Direttore del SISMI è il gen. Cesare Pucci, a comandare il SISDE è chiamato il prefetto Domenico Salazar e al CESIS va il gen. Giuseppe Tavormina. Viene approvata anche una epurazione di ufficiali dei servizi tra i quali, dirà il ministro della Difesa Fabio Fabbri 300 uomini del SISMI, tra i quali si annidano i 16 sospetti telefonisti della Falange Armata, e l'intera settima divisione, quella da cui dipende Gladio. Più che epurati in realtà verranno rispediti alle sedi di provenienza
21 Ottobre Attentato a Padova durante la notte contro il Palazzo di Giustizia che viene in parte distrutto. L'attentato viene rivendicato dalla Falange Armata
26 Ottobre

Viene individuata, in Toscana, una banda di falsari che ha messo in commercio un'enorme quantità di soldi falsi. Fra i 12 arrestati c'è Franco Merlo, tesoriere della loggia massonica Europa 92 di Firenze. Il capo della banda, Patrizio D'Ulivo, inoltre ha consegnato un premio di poesia a Licio Gelli durante una manifestazione ospitata da un circolo di Pistoia presieduto dal D'Ulivo. I magistrati indagano sui rapporti fra la banda di falsari e la P2

Viene arrestato a Taormina Carmelo Scalone, educatore penitenziario, uomo di fiducia di Nicolò Amato, è accusato di essere uno dei telefonisti della Falange Armata come risulterebbe da alcune intercettazioni telefoniche. Cade il silenzio invece sui 16 uomini del SISMI precedente individuati

28 Ottobre

Maurizio Broccoletti viene interrogato dai PM Torri e Frisani, nel corso dell'inchiesta sui fondi riservati del SISDE. Ai magistrati consegna copia del cosiddetto "libro paga" del servizio in cui figurano 76 nomi di prefetti, politici, carabinieri, poliziotti e giornalisti che avrebbero ricevuto soldi dal servizio segreto civile

Al processo per la strage di Peteano, dopo che in un precedente dibattimento erano stati condannati con sentenza definitiva il gen. Dino Mingarelli e il col. Antonio Chirico dei carabinieri, vengono condannati definitivamente Marco Morin, perito balistico, per peculato a 3 anni e 4 mesi, Manlio Del Gaudio, ex comandante del Gruppo Carabinieri di Padova, Renzo Monico e Manlio Rocco ufficiali del servizio segreto militare a 1 anno per falsa testimonianza. In pratica i condannati avrebbero depistato in vari modi le indagini sulla strage che poi porterà alla condanna di un gruppo di neofascisti

29 Ottobre Viene arrestato Malpica, ex direttore del SISDE, per lo scandalo dei fondi riservati
30 Ottobre Interrogato Malpica afferma di aver sostenuto, fino a quel momento, una falsa versione suggerita dal Viminale. Accusa Scalfaro e Mancino, "scagionati" nelle stesse ore da un comunicato del Procuratore Mele
1 Novembre

Viene ricercato nell'ambito delle indagini sul progetto di assalto alla sede RAI di Saxa Rubra, Renzo Pampalon, che nel frattempo è scomparso. Pampalon, ex legionario, è il padrone di una scuola di sopravvivenza in Val di Lefro, in riva al Garda. Si tratta in realtà di un vero e proprio campo paramilitare frequentato dai giovani borghesi di Trento.

Il giudice Guido Salvini afferma che colui che avrebbe preparato e probabilmente piazzato la bomba della strage di Piazza Fontana è Martino Siciliano, aderente al gruppo veneto di Ordine Nuovo e che nel frattempo sarebbe fuggito in Colombia

3 Novembre Filtrano le notizie sul contenuto degli interrogatori di Galati e Malpica sul coinvolgimento di politici nello scandalo dei fondi riservati del SISDE  che ammontano a più di 14 miliardi di lire. Gli ex funzionari del SISDE sostengono che gli ex ministri degli interni Scalfaro, Gava e Scotti avrebbero ricevuto denaro dal servizio segreto civile. Scalfaro si rivolge alla nazione, in un messaggio a sorpresa diramato a reti televisive unificate in cui afferma: "...Prima si è tentato con le bombe, ora con il più ignobile degli scandali...", aggiunge che si tratta di un tentativo per condizionare le elezioni
4 Novembre A Franco Freda vengono concessi gli arresti domiciliari nonostante l'incriminazione per ricostituzione del partito fascista relativa al Fronte Nazionale
7 Novembre Secondo alcuni pentiti sarebbe stata la mafia italiana a commettere su ordinazione l'omicidio di Roberto Calvi. Le informazioni vengono dal neofascista Valerio Viccei, in carcere per una rapina in banca durante la quale furono aperte alcune cassette di sicurezza. Avrebbe fatto importanti rivelazioni sui documenti contenuti nelle cassette rubate, una delle quali apparteneva a Roberto Calvi e un'altra a Francesco di Carlo, boss mafioso legato a Pippo CalÚ
8 Novembre Nel corso dell'inchiesta sui fondi riservati del SISDE viene arrestata Matilde Martucci, segretaria di Malpica, soprannominata "la zarina"
10 Novembre Depongono spontaneamente Mancino e i sui predecessori al ministero dell'interno Scotti e Gava. Nelle settimane successive, la Procura decide il congelamento della posizione di Scalfaro. Al Tribunale dei ministri vengono devoluti gli atti concernenti le accuse di peculato per Scotti e Gava e di favoreggiamento per gli ex direttori del SISDE, il ministro Mancino, l'ex capo di gabinetto Lauro e il capo della polizia Parisi
13 Novembre Il giudice veneziano Carlo Mastelloni e i sostituti della procura militare di Padova, Sergio Dini e Benedetto Roberti, ritengono che l'organizzazione clandestina Gladio non sarebbe stata sciolta, come più volte annunciato, ma sarebbe tuttora operativa. Il magistrato ha appurato inoltre che il battaglione colonnello Moschin dei paracadutisti, e il Comsubin degli incursori della Marina di La Spezia per anni si sono addestrati congiuntamente ai gladiatori, inoltre gli ufficiali della Smipar, la scuola di paracadutismo militare ha fornito gli addestratori per la struttura clandestina. A questo proposito il fascista Andrea Brogi afferma "...lavoravamo per la causa favorevole alla svolta autoritaria, in virtù di un golpe...". Ora nella Gladio sarebbero stati integrati sia il battaglione Col. Moschin che il Comsubin nell'ambito dell'organizzazione della NATO Stay Behind
25 Novembre Nell'ambito dell'inchiesta per il progetto di assalto alla sede RAI di Saxa Rubra sono stati arrestati per cospirazione politica mediante accordo Giovanni Marra, un pilota civile che avrebbe dovuto procurare degli elicotteri sovietici M18 Taurus che avrebbero dovuto sganciare sulla RAI gas nervino e bombe al neutrone, un'impiegata del SISDE, Marzia Petaccia, invece è stata arrestata per favoreggiamento. Sono stati arrestati anche Roberto Noe e Vittorio Fenili. Nell'inchiesta sono anche finiti Eugenio Pellegrini, giornalista ed editore, autore di libri denuncia, avrebbe presentato un esposto a un Procuratore di Trento che denunciava il tentativo di colpo di stato e uno degli organizzatori, Renzo Pampalon, ex legionario, sotto inchiesta anche per traffico di armi a Siracusa, e per una truffa ai danni di istituti di credito, fondatore della scuola di sopravvivenza "Born to live ", che è stata distrutta a maggio da un incendio doloso
Dicembre Alberica Filo Della Torre, la nobildonna uccisa il 10 Luglio 1991 nella sua villa dell'Olgiata , vicino Roma . Un caso ancora non risolto. Alberica aveva una relazione con Michele Finocchi, dirigente del SISDE, dal quale avrebbe ricevuto circa 10 miliardi che aveva poi depositato sul conto "Blocking Vice " aperto presso la filiale della Banca Leu di Zurigo, intestandolo oltre a lei al marito Pietro Mattei e ad Anna Del Pezzo di Caianello. Finocchi, il giorno dell'omicidio rimase per molte ore nella villa dell'Olgiata, attualmente è latitante per l'inchiesta sui fondi riservati del SISDE
9 Dicembre Il mafioso pentito Tommaso Buscetta viene interrogato dal giudice Lupacchini che indaga sulla banda della Magliana. Buscetta ha confermato che Pippo Calò era il capo della banda della Magliana e padrino del figlio di Ernesto Diotallevi. Ha inoltre rivelato che nell'estate '81, come avevano già detto alcuni ex membri della banda, soggiornarono insieme in Sardegna, Pippo Calò, Roberto Calvi, Flavio Carboni, Francesco Pazienza, Danilo Abbruciati, Ernesto Diotallevi e Domenico Balducci
15 Dicembre Interrogatorio di quasi 11 ore per Giulio Andreotti davanti al Procuratore di Palermo nel quale avviene un confronto con Baldassarre Di Maggio che lo accusa di aver incontrato TotÚ Riina. Viene anche prodotta dagli inquirenti una foto del 1979, proveniente dall'archivio della fotografa Letizia Battaglia, che ritrae Andreotti in compagnia dei cugini Salvo
20 Dicembre Il sostituto procuratore Ferdinando Pomarici emette un avviso di garanzia contro Franco Freda per la strage di Via Palestro a Milano. Freda ha infatti fatto rivelazioni ad un detenuto nel carcere di Vicenza raccontando particolari e retroscena della strage
27 Dicembre Il GIP Francesco Monastero su richiesta del PM Elisabetta Cesqui, nell'ambito dell'inchiesta sulla loggia P2, sequestra 16 miliardi e 400 milioni. Gelli dichiara al fisco 60 milioni di reddito annuo. Viene ipotizzata la violazione delle norme antimafia